pedodonzia

Pedodonzia

LA CURA DEI DENTI DEVE INIZIARE FIN DA PICCOLI!

Con l’idea di offrire un servizio sempre più completo, da oggi anche la pedodonzia entra a fare parte integrante del nostro studio: l’educazione alla prevenzione, la salute dei denti decidui, la gestione dei traumi e delle fratture sono di fondamentale importanza nel trattamento dei più piccoli.

“Pedodonzia” è una parola che deriva dal greco e significa “dente del bambino”. La pedodonzia o odontoiatria pediatrica, infatti, è la disciplina che si occupa di prevenire e curare le patologie orali dei pazienti in età evolutiva (da 2 a 16 anni), con particolare attenzione alla prevenzione delle lesioni cariose sui denti decidui e permanenti e alla ricerca della collaborazione dei bambini, che si tradurrà in futuro nell’accettazione da parte loro delle eventuali terapie necessarie.

LA PREVENZIONE PARTE DA VOI!

Il nostro impegno per i vostri figli è rappresentato principalmente dalla prevenzione che, evitando da subito l’insorgere delle patologie orali, permette ai bambini di sorridere e vivere sani e ai genitori di risparmiare sulle loro cure odontoiatriche.

Il primo passo, però, consiste nel portare i bambini all’attenzione dell’odontoiatra, che potrà così gestire la situazione prima che si aggravi o che si sviluppino complicanze. A questo proposito è molto utile:

 Abituare il bambino a visite periodiche di controllo a partire da 3 anni: questo permette al dentista di monitorare lo sviluppo dell’occlusione, al bambino di prendere confidenza con una figura nuova e di cominciare subito a considerarla come un amico

 Abituare il bambino all’igiene orale fin dai primi anni di vita, prima eseguendola direttamente, poi assistendo e controllando il bambino, in modo che spazzolarsi i denti e passare il filo interdentale diventino per lui una piacevole routine e non una sgradevole imposizione

 Eseguire una radiografia panoramica intorno ai 6 anni in caso di sospetto diagnostico: anomalie di numero o posizione, anchilosi, agenesie, malocclusioni e carie devono essere diagnosticate precocemente per evitare che si sviluppino complicanze

immagine 5
Quando, tuttavia, non è più possibile prevenire, è necessario curare i denti da latte prima possibile e non attendere solamente che essi vengano sostituiti dai denti permanenti, poichè:

 I denti decidui servono a mantenere lo spazio in arcata e guidano il corretto posizionamento dei denti permanenti corrispondenti

 I denti decidui presentano una camera pulpare e un’innervazione che, se coinvolte, possono causare forti dolori e gravi infezioni

I denti decidui servono a masticare nella prima fase della vita

Le lesioni presenti sui denti decidui possono danneggiare anche i denti permanenti corrispondenti

COSA SI FA IN PEDODONZIA?

Prevenzione

Educazione all’igiene orale e alimentare, controllo della placca e della carie, monitoraggio dell’occlusione e della permuta, gestione degli spazi, eliminazione delle abitudini viziate, trattamento delle malocclusioni.

Igiene dentale e conservativa

Controllo professionale della placca e del tartaro e trattamento delle carie presenti su denti decidui e permanenti per non perdere elementi dentari e spazio sulle arcate.

Ortodonzia intercettiva

Diagnosi e trattamento precoce delle malocclusioni, con particolare attenzione per i morsi incrociati anteriori e i morsi incrociati monolaterali da deviazione della mandibola.

Sigillatura dei solchi

Misura preventiva che si attua a partire dai 6 anni sui denti permanenti appena erotti per prevenirne le carie dei solchi. I sigillanti sono sostanze resinose fluide  che vengono poste nei solchi e nelle fessure dei denti cuspidati per impedire l’accumulo di placca  e la formazione della carie in queste zone. Una volta eseguite devono essere controllate periodicamente perché col tempo potrebbero perdere il loro sigillo.

Fluoroprofilassi topica

Applicazione topica di fluoro sui denti a rischio di carie. Il fluoro si lega allo smalto dei denti tramite legami chimici e lo rende meno solubile e più resistente agli attacchi degli acidi, ne favorisce la remineralizzazione e inibisce l’attività batterica. La presenza costante di adeguate concentrazioni di fluoro nel cavo orale riduce significativamente il rischio di carie.

Realizzazione di paradenti

L’infanzia e l’adolescenza sono i periodi della vita in cui bambini e ragazzi sono maggiormente esposti al rischio di traumi e fratture dentarie, soprattutto quando hanno denti molto sporgenti, poiché c’è un inevitabile incremento delle attività ludiche, ricreative e sportive. Per limitare l’incidenza di queste eventualità è molto importante proteggere i denti almeno durante l’attività sportiva che rappresenta una delle principali cause di trauma.

Gestione di traumi e fratture

In caso di trauma con frattura o perdita completa di un elemento dentario, è sempre bene rincollare o riposizionare il dente nella sua sede il prima possibile poiché, se il reimpianto avviene entro 20’-30’, c’è la possibilità che il dente possa mantenere la sua vitalità. Per questo motivo  bisogna che anche genitori o insegnanti sappiano come comportarsi.

be54dff6-d4f0-43c9-b774-4864f39b4f34

4 REGOLE FONDAMENTALI IN CASO DI TRAUMA

 Recuperare il frammento o l’intero dente perduto

 Conservarlo in fisiologica, nel latte o nella saliva (tenerlo in bocca stando attenti a non ingerirlo)

 Rivolgersi subito al dentista

 Sottoporsi a controlli periodici per monitorare la vitalità dei denti interessati nel tempo